REGIONE UMBRIA: MISURE A SOSTEGNO DELLE IMPRESE

REGIONE UMBRIA: MISURE A SOSTEGNO DELLE IMPRESE

La Regione Umbria ha attivato interventi per le imprese extra-agricole, per sostenere il tessuto produttivo dell’Umbria in questo periodo di crisi economica derivante dall’emergenza Covid-19 e per favorire la ripresa, suddivisi in:

1.Fondo prestiti a favore di micro e piccole imprese (FONDO RE START)

2.Garanzia ad integrazione delle misure di cui all’art. 13 del Decreto Liquidità

3.Rafforzamento della struttura patrimoniale delle PMI

4.Intervento: Bridge to Digital

5.Fondo di garanzia anticipazioni della cassa integrazione

********************

1.Fondo prestiti a favore di micro e piccole imprese – FONDO RE START (dotazione 18,5 milioni di Euro)

La Regione Umbria approvato il Fondo Re Start a sostegno delle imprese per far fronte all’emergenza causata dal Covid-19.

Agevolazione

Si tratta di un prestito diretto fino a 25 mila euro di importo minimo pari ad Euro 5 mila ed importo massimo non superiore al 25% del fatturato del beneficiario nel 2019 e comunque non superiore a 25 mila Euro

– durata preammortamento: 24 mesi;

– durata ammortamento: 60 mesi;

– tasso di interesse: 0,5%

– rimborso: a rata mensile costante posticipata

Beneficiari

Micro e piccole imprese la cui attività di impresa sia stata danneggiata dall’emergenza Covid-19 e che:

• al momento della presentazione della domanda risultino iscritte al Registro delle Imprese e abbiano Sede Operativa nel territorio della Regione Umbria;

• ovvero, nel caso dei Liberi Professionisti, al momento della domanda siano titolari di partita IVA attiva e abbiano Domicilio Fiscale nel territorio della Regione Umbria.

I richiedenti, con la presentazione della domanda, attestano mediante dichiarazione autocertificata:

• di aver subito danni a causa dell’emergenza COVID-19, per effetto della sospensione o della riduzione dell’attività;

• di avere un fabbisogno di liquidità pari ad almeno l’importo del Finanziamento agevolato richiesto in conseguenza dei danni subiti;

• di possedere i requisiti generali di ammissibilità riportati nel bando.

• di non presentare esposizioni classificate come “sofferenze” ai sensi della disciplina bancaria;

• di essere in situazione di regolarità contributiva. Sono ammissibili le micro e piccole imprese operanti in tutti i settori, ad eccezione di quelli «esclusi» dal bando.

Può essere concesso anche ai soggetti ai quali sia già stato accordato un finanziamento bancario di 25.000 euro garantito dal Fondo di Garanzia PMI, ma che attestino un fatturato del 2019 superiore a 100.000 euro, comunque nel limite complessivo del 25% del fatturato del 2019

POSSIBILITA’ DI TRASFORMARE PARTE DEL FINANZIAMENTO A FONDO PERDUTO

Sono previsti due casi in cui parte del finanziamento viene trasformato in contributo a fondo perduto

A. Remissione del debito pari al 50% del finanziamento

Al termine del periodo di preammortamento la metà del valore del prestito, quindi fino a 12,5 mila euro, potrà essere concesso a FONDO PERDUTO come estinzione anticipata del debito, all’avverarsi di almeno una delle seguenti condizioni:

– che l’azienda abbia aumentato almeno di una unità il numero di dipendenti occupati rispetto al 31 dicembre 2019 e/o

– che l’azienda nel periodo di preammortamento abbia:

– proceduto all’acquisizione di beni finalizzati ad aumentare la sicurezza nei luoghi di lavoro o di somministrazione in relazione all’emergenza Covid-19;

– proceduto all’acquisizione di dispositivi di sicurezza individuali in relazione all’emergenza Covid-19;

– sostenuto spese per l’acquisizione di strumenti produttivi e tecnologie digitali.

Il richiedente non deve aver già ricevuto Aiuti di Stato per l’acquisto dei suddetti beni. Il termine di presentazione della richiesta di remissione del debito da parte del Beneficiario scade l’ultimo giorno del periodo di preammortamento.

B. Contributo a fondo perduto pari a 10 mila euro per investimenti

Nel caso in cui l’impresa effettui investimenti il prestito può arrivare fino a 40 mila euro, di cui 20 mila stanziati dalla parte pubblica e di cui 10 mila a fondo perduto

Presentazione delle domande

Le domande potranno essere presentate dall’ 11 maggio 2020 al 25 maggio 2020

Graduatoria delle domande

Le domande verranno ammesse, previa valutazione dei requisiti, senza priorità della data di presentazione delle stesse

********************

2.Garanzia ad integrazione delle misure di cui all’art. 13 del Decreto Liquidità (dotazione 6 milioni di Euro)

La Regione Umbria ha predisposto un Piano di garanzie che integrano le misure relative al fondo centrale di garanzia del decreto liquidità, prevedendo il 90 % della garanzia per finanziamenti non superiori a 800 mila euro, concessi ad imprese con un fatturato non superiore a 3 milioni e 200 mila euro.

La Regione Umbria, tramite la sua finanziaria, garantisce il restante 10% con cogaranzie o riassicurazioni dei confidi privati.

********************

3.Rafforzamento della struttura patrimoniale delle PMI (dotazione 4 milioni di Euro)

La Regione, tramite la sua finanziaria, sottoscrive un aumento di capitale da 25 mila a 250 mila euro a fronte di un eguale apporto di mezzi privati da parte del socio, sia nella forma di aumenti di capitale o di investimenti realizzati nel 2019 e non finanziati con fondi pubblici, destinati a immobilizzazione materiale o progetti di ricerca.

Verranno privilegiate le imprese che hanno:

1. Effettuato investimenti finalizzati alla riconversione produttiva, con particolare riferimento all’utilizzo di tecnologie digitali, industria 4.0, sistemi di automazione

2. Reinternalizzatoin Umbria attività produttive o di committenza che erano localizzate extra Ue

3. Rafforzato le filiere Regionali

*********************

4.Intervento: Bridge to Digital (dotazione 3 milioni di euro)

Si tratta di Voucher destinati pari a:

 10 mila euro, pari al massimo al 75% dei costi sostenuti per le MICRO imprese

 15 mila euro, pari al massimo al 60% dei costi sostenuti per le PICCOLE imprese

Sostenuti investimenti digitali in:

-Piattaforme B2B, e-commerce e delivery

-Piattaforme virtualper l’export

-Sistemi di digitalpayment e finance

-Piattaforme di gestione della rete di vendita e strumenti di business intelligence

-Archiviazione dei dati, dal data wharouseal data lake

-Interventi a favore dello smart working

-Smart place

-Cyber security

-Infrastrutture digitali sia hardware che software

-Show room digitali e vetrine virtuali

-Tecnologie cloud

***********************

5.Fondo di garanzia anticipazioni della cassa integrazione (dotazione 1 milione di Euro)

La Regione Umbria con tale misura attiva un fondo di garanzia a favore delle banche che anticipino il trattamento di integrazione salariale ai lavoratori interessati, di cui al decreto legge n. 18 del 2020 che ha introdotto nuove disposizioni relative agli ammortizzatori sociali in relazione agli impatti che la sospensione delle attività lavorative ha generato sui rapporti di lavoro.

Beneficiari: Lavoratori dipendenti beneficiari di trattamento di integrazione salariale.

Rilascio di garanzia automatica a fronte di un’anticipazione nel limite di euro 1400.

 

***********************

SCARICA IL DOCUMENTO COMPLETO DAL QUESTO LINK:

BTC CIRCOLARE CONTRIBUTI REGIONE UMBRIA

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.